fragmenta

Mostra di mosaici al Mabic di Maranello dal 10 al 24 ottobre

locandina della mostra

Per due settimane, dal 10 al 24 ottobre, sarò ospite al MABIC di Maranello e metterò in esposizione, oltre alla Jaguar E-type di Diabolik ( un mosaico realizzato con tessere e frammenti di tanti materiali) diverse opere musive, dall’eccentrico robottino al nudo di donna, dalla lampada artigianale (in cui il mosaico è un’intarsio scavato in un ceppo di legno) allo specchio-ritratto omaggio a Michael Jackson.

Il MABICMaranello Biblioteca Cultura, è lo spazio che dal 2011 ospita la Biblioteca Comunale di Maranello, un luogo pensato anche per accogliere eventi e iniziative culturali.  (altro…)

Lo sguardo di Eva Kant

work in progress

work in progress

Il fumetto mette insieme parole, disegni e tempo ma in quale sequenza? è questa domanda che da anni, forse da quando ero piccola, mi fa amare il mondo immenso dell’arte del fumetto.
Un mondo che non può non incantare un bambino ma da adulta anche i ricordi della mia vita li visualizzo come una sequenza di immagini a volte sfocate ed a volte molto dettagliate.

Per questo interpretare un fumetto trasformandolo in un mosaico per me è tanto interessante. Perché mentre sto lavorando ad un’ inquadratura a farmi compagnia sento intorno a me le tante immagini e i tanti dialoghi che precedono e seguono il dettaglio che ho scelto di fermare mettendo insieme tanti frammenti o tessere di pietra o vetro o specchi ma anche qualsiasi altro materiale possa prestarsi alle esigenze di un mosaico moderno.

Questa piccola Eva Kant misura 30×15 cm ed è tratta dallo stesso disegno da cui ho preso spunto per realizzare il mio primo mosaico diaboliko.

Il primo piano è sempre usato, guardate al cinema, per coinvolgere emotivamente. Penso alla scena finale del film -La finestra di fronte- quando la telecamera, lentamente, si stringe sugli occhi della Mezzogiorno. Dicono che lo sguardo è lo specchio dell’anima. Ma è anche la maschera attraverso la quale mostriamo agli altri solo una piccola parte dei pensieri che ci attraversano la mente.

Robottini: hooks and magnets

prototype: not for sale

prototype: not for sale

Ogni robottino ha bisogno di tempo per poter nascere e spesso prima è un disegno, scarabocchiato velocemente sul primo pezzo di carta che capita in mano. Ma altrettanto spesso nasce giocando con le dita nelle scatole di legno in cui metto viti, bulloni, ciottoli originali o tessere che hanno venature particolari. Forse é per questo che, pur essendo di pietra e ferro, queste piccole creature sembrano avere un’anima.

Tecnica tradizionale diretta

Gioco di specchi: omaggio a Michael Jackson  – tecnica diretta -work in progress

Mentre nel trencadis per dare le sfumature occorre accostare ceramiche di diversi colori, nella tecnica diretta al cromatismo si aggiunge la varietà delle superfici: irregolari, levigate, riflettenti. La tecnica diretta è più lenta perché le tessere devono essere prima “scolpite” dello spessore e della forma desiderata. Questa fase preparatoria procede generalmente di pari passo con l’avanzare del mosaico. Cioè seleziono un dettaglio poi decido, in base al disegno, ma anche per l’effetto complessivo che voglio ottenere, se miscelare marmi e ceramiche/specchi/frammenti di metallo o soltanto marmi di diversa porosità.

Trencadis: imparando da Gaudì

work in progress RAIN

Trencadis è il termine tecnico per indicare i mosaici di frammenti di ceramica. Sono affascinata dalle potenzialità di questa tecnica ideale per creare mosaici moderni e per rivestire pareti interne ed esterne. Quanto abbiamo da imparare da Gaudì! e quanti non sanno che in Italia abbiamo il Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle!

Spezzare le ceramiche e scegliere come ricomporre i pezzi non ha niente di casuale. E’ progettare una trama musiva che può diventare essa stessa un’opera astratta. I frammenti vengono incollati su rete in fibra di vetro o direttamente sulla forma o sulla parete dedicata per poi essere stuccati in opera.

Piccoli mosaici: quanto costano?

Il costo di un piccolo mosaico dipende dall’originalità della composizione, dalle ore di manodopera e dalla difficoltà della realizzazione.
Spesso la ricerca di un disegno di base meno realistico, ma più ricco grazie alla miscela di materiali diversi, porta ad un risultato che valorizza il soggetto scelto. I mosaici di questa piccola galleria costano dai 30 ai 320 euro. Se siete collezionisti di Thun questo post forse non susciterà il vostro interesse ma , se volete fare un regalo originale, guarderete con attenzione a questi piccoli esperimenti musivi realizzati con pietre naturali e smalti di Murano. Fatti uno ad uno e non in serie. Il costo quindi spesso varia da pezzo a pezzo perché il tempo di esecuzione, e la qualità del taglio e della posa, non devono seguire un listino prestabilito ma adattarsi ad ogni singolo soggetto.