La igualdad empieza respetando nuestras diferencias

disegno di Mauro Biani

Ho scelto di “rubare” questa immagine di Mauro Biani (pubblicata sul Manifesto insieme ad un articolo contro l’omofobia) e di interpretarla a modo mio. Seduto con la testa tra le mani c’è un ragazzino gay, ma potrebbe essere invece un uomo o una donna o “semplicemente” il simbolo di un momento di intimo raccoglimento.  Questa persona alla domanda -ti senti sola?- risponde a se stessa che in fondo c’è un sacco di gente perbene intorno. Perché è vero, c’è tanta gente perbene tra coloro che sentono l’urgenza di scendere in piazza per manifestare la loro contrarietà verso la possibilità che la legge sia uguale per tutti. Si definiscono persone perbene gli integralisti di ogni religione che se non possono imporre le loro leggi con la forza della prevaricazione verbale passano alla forza della violenza. E’ cronaca di ogni giorno ad ogni latitudine.

Di fronte alle persistenti minacce, violenze e discriminazioni che vivono le persone LGBTI in Centroamerica è nato il progetto CENTROAMERICA DIFFERENTE che si prefigge di allargare l’esercizio e l’ampliamento dei diritti, contrastare l’omofobia e realizzare l’uguaglianza tra individui a prescindere dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere. Ho scoperto questo progetto grazie ad una presentazione che si è svolta martedi presso la sede di Arcigay Modena e conosciuto i delegati di Guatemala e Nicaragua: ragazzi e uomini coraggiosi che hanno raccontato con emozione e determinazione il loro impegno come attivisti per i diritti umani.

Ed ora riguardando il disegno di Mauro Biani penso che forse nella dolcezza del suo tratto si può leggere il timido coraggio che il ragazzino gay seduto con la testa tra le mani sta cercando prima di tutto dentro di se e quando alzerà lo sguardo potrà accorgersi che, dietro tante teste inchinate alla verità indiscutibile di un solo libro, ci sono altrettante persone interessate ad affrontare i propri pregiudizi. Se gli stereotipi sono utili per leggere la realtà attraverso schemi di riferimento diventano gabbie della mente quando il rispetto verso i presunti desideri di un Dio invisibile fa dimenticare il rispetto dovuto a persone reali.

CentroAmericaDiferente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...