Lo sguardo di Eva Kant

work in progress

work in progress

Il fumetto mette insieme parole, disegni e tempo ma in quale sequenza? è questa domanda che da anni, forse da quando ero piccola, mi fa amare il mondo immenso dell’arte del fumetto.
Un mondo che non può non incantare un bambino ma da adulta anche i ricordi della mia vita li visualizzo come una sequenza di immagini a volte sfocate ed a volte molto dettagliate.

Per questo interpretare un fumetto trasformandolo in un mosaico per me è tanto interessante. Perché mentre sto lavorando ad un’ inquadratura a farmi compagnia sento intorno a me le tante immagini e i tanti dialoghi che precedono e seguono il dettaglio che ho scelto di fermare mettendo insieme tanti frammenti o tessere di pietra o vetro o specchi ma anche qualsiasi altro materiale possa prestarsi alle esigenze di un mosaico moderno.

Questa piccola Eva Kant misura 30×15 cm ed è tratta dallo stesso disegno da cui ho preso spunto per realizzare il mio primo mosaico diaboliko.

Il primo piano è sempre usato, guardate al cinema, per coinvolgere emotivamente. Penso alla scena finale del film -La finestra di fronte- quando la telecamera, lentamente, si stringe sugli occhi della Mezzogiorno. Dicono che lo sguardo è lo specchio dell’anima. Ma è anche la maschera attraverso la quale mostriamo agli altri solo una piccola parte dei pensieri che ci attraversano la mente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...